Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Ideacreativa.it | June 18, 2018

Scroll to top

Top

Ecco perché amo Apple: sono un malato di “digital hub”

Ecco perché amo Apple: sono un malato di “digital hub”
linomarra
  • On 20 giugno 2014
  • http://www.ideacreativa.it

Già dai tempi del Macworld nel 2001, Steve Jobs introdusse la filosofia dell'”hub digitale”. Lo fece  con il Mac, dicendo che sarebbe diventato il dispositivo per gestire tutti i gadget monouso per la registrazione di filmati o di musica. Fu un concetto che fece breccia in me, ma non abbastanza per gettare via il mio PC. All’epoca sognavo qualcosa che mettesse insieme tutti i dispositivi, un raccordo tra i vari hardware e contenuti (foto, stampe, dati, rubriche, musica)… iTunes era già una buona base per gestire e sincronizzare contenuti …la Apple TV lo fu negli anni successivi (in questi ultimi anni spesso l’ho utilizzata come hub per sentire musica). Ricordo che agli inizi del 2000 avevo un primissimo smartphone HTC con sistema operativo windows mobile, il programma per sincronizzare la rubrica si chiamava “activesync” mi pare… faceva solo quello!! neanche un gestore di foto, avevo una primissima fotocamera Kodak digitale che gestivo con il windows. Negli anni 2000 ero anche un appassionato di grafica e di video, cominciavo ad invidiare chi avesse Mac… non c’era workstation quadcore o intergraph che tenesse. Per la musica avevo un CD walkman Sony, più tardi avrei avuto uno “Zen” per la musica mp3, poi un laptop Sony Vaio: decisi di passare a Mac ;-). Fino ad arrivare al 2014.

Cattura1 Ecco perché amo Apple: sono un malato di digital hubQuest’anno all’evento WWDC, Apple ha rivelato che sta puntando tutto sull’iPhone come nuovo hub, mentre il Mac, l’iPad, la AppleTV etc. finiranno tutti nel cloud e saranno solo accessori.

Questa strategia è centrale al momento per Apple – nell’ultimo suo keynote WWDC, Steve Jobs dichiarò che iCloud sarebbe il nuovo centro della vita digitale di tutti: “We’re going to demote the PC and the Mac to just be a device”.

Finora iCloud non è che sia stato all’altezza delle promesse, gli sviluppatori hanno ritenuto che il servizio di archiviazione dati non fosse formidabile, costringendoli a integrare con altri servizi cloud come Dropbox, Amazon o Google.

1398470879552 Ecco perché amo Apple: sono un malato di digital hub

Graph courtesy of Andreessen Horowitz analyst Benedict Evans.

Nel frattempo, una grossa fetta di utilizzo dei dispositivi è passata dai computer portatili, desktop e tablet ai telefoni. Ci sono più persone che accedono a servizi social tramite dispositivi mobili. Una volta si pensava che smartphone fossero meno potenti dei computer di casa, forse è ancora così ma ora non c’è più questo grande divario.

Con iOS 8, Apple incoraggia questa tendenza spingendo il pedale sulla telefonia mobile. Quasi ogni aspetto del “nuovo” ecosistema Apple ruota intorno all’iPhone come centro della vostra esperienza digitale.

Effettuare chiamate e inviare messaggi SMS con Mac OS X Yosemite richiede l’accesso al vostro iPhone.

iCloud Drive sarà la nuova nuvola di archiviazione, HealthKit la nuova app Salute per raccogliere le informazioni della vostra forma fisica e le applicazioni alimentari. Allo stesso modo, HomeKit mette il vostro iPhone in controllo di qualsiasi dispositivo intelligente in casa. In particolare, HomeKit è anche la prima volta Apple ha dato agli sviluppatori la possibilità di ampliare il vocabolario di Siri – gli utenti saranno in grado di definire le camere e le “zone” nelle loro case, al fine di dare i comandi Siri come “Siri, spegnere tutte le luci la cucina “o” Siri, accendere le luci al piano di sotto “, per esempio. CarPlay trasforma il sistema di infotainment in auto in una interfaccia muto per l’iPhone di prendere in consegna, con “Hey, Siri”, rendendo l’intera esperienza a mani libere quando il dispositivo è in carica. ID touch sarà disponibile per sviluppatori di terze parti, rendendo l’iPhone il modo più sicuro per accedere a cose come le applicazioni bancarie o messaggi privati. Con Apple utilizzando connessioni peer-to-peer per AirPlay in iOS 8, per passare un contenuto video o gioco alla Apple TV non ci sarà nemmeno bisogno di una rete Wi-Fi.

Lo slogan per gli ultimi spot di Apple è stato “Con la potenza di iPhone 5s, sei più potente di quanto pensi” (“With the power of iPhone 5s, you’re more powerful than you think”). La domanda è: l’iPhone sarà un fantastico hub in casa, perfetta integrazione Mac Yosemite e dispositivi iOS 8 …ma fuori casa? che hub è? si è potenti lo stesso?

Fonte: http://techcrunch.com/2014/06/07/with-ios-8-the-iphone-will-become-your-digital-hub/