Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Ideacreativa.it | October 17, 2018

Scroll to top

Top

Il SEO cambia con Google Panda: cosa conta oggi per ottimizzare il sito

Il SEO cambia con Google Panda: cosa conta oggi per ottimizzare il sito
linomarra
  • On 1 luglio 2014
  • http://www.ideacreativa.it

Sarà forse complice Google Panda, il nuovo algoritmo di Google, ma a quanto pare le tecniche di SEO si stanno assottigliando dal punto di vista numerico delle possibilità e passando dal piano tecnico informatico a quello della qualità dei contenuti (lo dicevamo in altri articoli sul content marketing).

Questo è quello che affermano i professionisti del marketing, come risulta anche da una recente indagine condotta da Ascend2 and Research Partners. Dalla ricerca emerge che più della metà (57%) dei professionisti – 442 intervistati di tutto il mondo – dicono che creare contenuti di qualità è una delle strategie SEO (ossia di ottimizzazione per uscire nei motori di ricerca) più efficaci utilizzate dalla propria azienda.

Altre attività SEO ritenute efficaci come emerge dal SEO Marketing Benchmarking Survey N=442, April 2014 sono:

  1. la ricerca e la gestione di parole chiave (47% dicono che è una delle tecniche più efficaci),
  2. I frequenti aggiornamenti al sito web, intesi come attività editoriale, es. pubblicazione di articoli (37%).
  3. L’integrazione con i social media (32%).
  4. Le attività di blogging costante (28%).
  5. Il link-building, invece, uno degli espedienti più utilizzati in passato, negli ultimi anni ha subito molti cambiamenti a causa dell’algoritmo di Google, è stata citata come strategia top solo dal 25% degli intervistati.
  6. La local search optimization al 17% degli intervistati.
  7. La mobile search optimization al 9% (le ultime due tecniche sono relativamente nuove).

Di seguito riportati, gli ulteriori risultati chiave del sondaggio che si basava su un campione di 442 professionisti del marketing e delle vendite di tutto il mondo (il 63% con sede negli USA, il 16% in Europa, il 6% in Canada, il 15% altri).

 

CURIOSITA’: DELLE TECNICHE SEO CITATE, QUALI VENGONO PERCEPITE PIU’ DIFFICILI

  • 47% degli intervistati dicono che la creazione di contenuti di qualità viene percepita come la più efficace ma è anche una delle più difficili da fare bene.
  • 44% dice che è il link building l’attività difficile da eseguire.
  • 32% degli intervistati mette il blogging costante tra i più difficili.
  • 29% la ricerca di parole chiave.
  • 29% gli aggiornamenti frequenti al sito web.
  • 44% mette le keywords e l’impatto delle call-to-action sui tassi di conversione tra le metriche più difficili per il monitoraggio e l’analisi delle prestazioni SEO.
  • 41% dichiara che il traffico delle visite e le fonti/sorgenti di traffico sono metriche utili.
  • 44% degli intervistati afferma di avere come ostacolo il budget limitato.
  • 40% cita le competenze limitate in-house.
  • 32% dice  che una delle sfide più complicate è capire gli algoritmi di ricerca.