Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Ideacreativa.it | December 16, 2017

Scroll to top

Top

Presto avremo maggiordomi online ovunque che parleranno con gli utenti di Messenger attraverso un bot

Presto avremo maggiordomi online ovunque che parleranno con gli utenti di Messenger attraverso un bot
linomarra
  • On 19 aprile 2016
  • http://www.ideacreativa.it

“Chat Me On Messenger” sarà il nuovo grido di battaglia.

Il 12 aprile scorso, alla F8 di San Francisco (la conferenza annuale degli sviluppatori), l’azienda di Zuckerberg ha annunciato le novità dei prossimi anni tra cui i bot su Messenger, l’app per scambiarsi messaggi istantanei legata alla chat di Facebook che registra ben 900 milioni di utenti attivi ogni mese.

Grazie alle API per i Bot, ovvero le piattaforme per sviluppatori che consentono a ognuno di creare strumenti per Messenger, Telegram, We Chat, Line, Kik etc. (con whatsapp sembrerebbe che ancora non si possa fare), saremo in grado di mandare un messaggio ad una pagina fb e ricevere una risposta immediata su temi vari: shopping e e-commerce, iscrizioni su web, consegnare pizza o spedire fiori, chiamare un taxi, ricevere solo certe notizie e articoli da testate giornalistiche, meteo e altri servizi personalizzati vari (si veda il video tutorial di una chat).

Si chiama “conversational marketing” o intelligenza artificiale e permetterà agli utenti di interagire con le aziende e i brand più noti, che a loro volta muteranno i propri sistemi di CRM (si veda questo store), evolvendo verso un’offerta di servizi sempre più ritagliate sulle esigenze del singolo (A direct line to your customers. Messenger makes it easy to answer questions about orders and invite your customers to check out related products).

Gli “acquisti tramite conversazione” saranno una miniera di soldi per molti e un ottimo escamotage per superare il declino delle app mobile. Gli utenti scaricano sempre meno app. Con i bot non sarà più necessario farlo, proprio perché spetterà a questi ultimi fare il lavoro delle applicazioni. Insomma, la nuova logica che muove gli sviluppatori di Facebook è trasferire a un’intelligenza artificiale molte delle funzionalità che prima erano affidate al device mobile.

Sulla sicurezza di questi nuovi strumenti ancora non si ha certezza, infatti i bot sono in fase Beta per essere sicuri di trovare il miglior modo per fermare ogni tipo di violazione.

Ma come si fa a parlare con un Brand tramite Messenger?
Per iniziare a conversare con il bot di – ad esempio – “Hi Poncho” che offre servizi meteorologici, bisogna inserirlo tra i contatti. Si può fare in vari modi: andare sulla pagina Facebook dell’azienda www.facebook.com/hiponcho e cliccare sull’icona “Messaggio”, oppure cercarlo nell’app mobile con l’opzione “Cerca” (la lente d’ingrandimento), aggiungerlo in automatico alla rubrica cliccando sul link apposito (es. questo https://www.messenger.com/t/788720331154519/ sia da mobile sia da pc se si usa la versione desktop).

Cattura 785x589 Presto avremo maggiordomi online ovunque che parleranno con gli utenti di Messenger attraverso un bot

Per ricevere gli aggiornamenti meteorologici di Hi Poncho (che risponderà per prima cosa “Zzz” se gli scrivete di mattina dall’Italia, dato che il servizio è rivolto agli americani) scrivete un messaggio di saluto qualunque (clicca qui). A questo punto vi risponderà dandovi delle opzioni di risposta.

il bot può tener conto anche delle preferenze espresse in precedenza dai clienti, se non è la prima volta che si richiede il servizio, oppure spingerti ad impostare delle notifiche periodiche.

Screenshot 2016 04 19 17 55 45 576x1024 Presto avremo maggiordomi online ovunque che parleranno con gli utenti di Messenger attraverso un bot

Fig. 1

Screenshot 2016 04 19 17 56 01 576x1024 Presto avremo maggiordomi online ovunque che parleranno con gli utenti di Messenger attraverso un bot

Fig. 2

Screenshot 2016 04 19 17 56 12 576x1024 Presto avremo maggiordomi online ovunque che parleranno con gli utenti di Messenger attraverso un bot

Fig. 3

Abbiamo analizzato Facebook Messenger perchè è una delle app di messaggistica più diffuse grazie a Facebook, ma anche per Telegram sono usciti vari bot italiani (si legga questo articolo di ieri www.lastampa.it/2016/04/19/tecnologia/news/ecco-otto-bot-di-telegram-che-ti-semplificano-la-vita-e-come-usarli-o1HmFzC1FcyIwx05e6lYVI/pagina.html), addirittura mette in palio premi dalle somme importanti per gli sviluppatori che si orienteranno su questa messaging app.

Chissà Sting oggi se fosse un millennial canterebbe “Message in a Bot“!

Comments