Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Ideacreativa.it | June 22, 2017

Scroll to top

Top

Second Screen e Social per arricchire l’esperienza TV (il caso RDS Academy)

Second Screen e Social per arricchire l’esperienza TV (il caso RDS Academy)
linomarra
  • On 9 giugno 2015
  • http://www.ideacreativa.it

Si sente parlare da tempo di TV del futuro, quella smart o interattiva che sia, in realtà l’unica vera TV interattiva che io conosca è quella che avviene grazie agli uomini e alla propria attività “Second Screen” (o Multi-Screen).

Il fenomeno Second Screen, già ampiamente diffuso negli Stati Uniti, sta prendendo piede – ormai prepotentemente – anche in Italia grazie soprattutto ai talent show e ai programmi che hanno come pubblico soprattutto le nuove generazioni di utenti (si veda ad es. il caso Amici di Maria De Filippi, programma molto seguito dal target teen e per questo attivo sulle iniziative digital).

Viene definito “Second Screen” l’uso di display e dispositivi addizionali (come ad es. tablet, smartphone) mentre si sta guardando la TV. Questa attività consente al pubblico di interagire con i contenuti che stanno fruendo, siano essi uno show TV, un video game o un film.

In questa sede, ci limitiamo a prendere in esame il solo prodotto televisivo, perché trovo interessante analizzare il Second Screen come strumento che, oltre a costituire un’esperienza aumentata della tv lineare, rappresenta anche l’anello di congiunzione o la spinta per far convergere i mondi televisivi, internet e mobile. Questa “spinta”, oltre alla TV, riesce a generarla solo l’evento dal vivo (sportivo o musicale) o altre particolari situazioni in cui l’utente si trova immerso o coinvolto mentre accade.

Esistono principalmente due fenomeni emergenti in riferimento al Second Screen:

1. La Social TV: è l’insieme degli strumenti  (app, siti e simili) che permettono l’interazione sui social tra gli utenti e i broadcaster di riferimento, in merito al mainstream content televisivo. Può avvenire tramite piattaforme di terze parti o legate alle emittenti televisive. La Social TV attualmente è nella fase in cui i Social Media erano 6 anni fa: tanta sperimentazione, nessuna certezza se non la consapevolezza che possa generare molto valore e contribuire in modo determinante al successo delle proprie iniziative, dei propri show e delle proprie campagne.

2.L’experience enrichment (esperienza di arricchimento): consiste nell’approfondimento del programma o dello spot pubblicitario che si sta guardando tramite contenuti generati dagli utenti o prodotti dai broadcaster. L’applicazione che al momento sembra rispondere più efficacemente a questa tendenza è Shazam, che – con 250 milioni di utenti nel mondo – permette il riconoscimento audio non più solo ai brani, ma a qualsiasi genere di suono, incluso quello di uno show televisivo o di uno spot TV (leggi anche l’articolo su Shazam e il second screen, clicca qui).

Vi presento un caso di studio “Second Screen”: RDS Academy.

Dal 20 Aprile-1° Giugno 2015, OBO Digital ha ideato e implementato una strategia “second screen” per la produzione RDS Academy, il progetto crossmediale nato in collaborazione con Vanity Fair e giunto alla sua seconda edizione.

In vista del lancio televisivo (lunedì 4 maggio 2015) e della programmazione Sky (ogni lunedì ore 20:10 su Sky Uno), OBO Digital ha costruito un’iniziativa incentrata sull’hashtag del programma, ovvero #RDSAcademy, per reindirizzare utenti sul contenuto second screen.

Le attività hanno privilegiato Twitter, quale media per seguire in «real time» tutte le puntate e rilanciare contenuti editoriali durante l’arco della settimana, per tenere alta l’attenzione e l’attenzione sul programma.

Catturaa Second Screen e Social per arricchire lesperienza TV (il caso RDS Academy)La produzione TV poteva contare su influencer media per un totale di oltre 2 milioni di utenti raggiungibili soltanto all’interno di twitter.

Il mini sito di prodotto www.rds.it/academy si prestava bene quale ambiente di atterraggio delle visite originate dall’attività social e dall’on air (es. tramite cartelli a chiusura delle puntate che includano hashtag e rimandi web).

Il sito rappresentava il contenitore ideale cui rimandare per ulteriori iniziative in tempo reale.

Per questi motivi, abbiamo realizzato una landing-page – accessibile da dispositivi desktop e mobile – finalizzata a coinvolgere gli utenti della rete in attività di voto «real time» (dei concorrenti e coach del programma) grazie alla leva del «click-to-tweet»:

www.rds.it/secondscreen/liveSocial.html.

OBO Digital ha supportato, inoltre, l’area web di RDS con grafiche progettate «ad hoc» per valorizzare al massimo le iniziative digitali all’interno del sito RDS.it e del mini sito RDS.it/academy.

Catturab 785x653 Second Screen e Social per arricchire lesperienza TV (il caso RDS Academy)Senza titolo 1 785x438 Second Screen e Social per arricchire lesperienza TV (il caso RDS Academy)

Il nostro team, infine, ha instaurato un rapporto diretto con i coach e i talenti più influenti per supportarli ed incentivare il loro coinvolgimento diretto tramite sessioni di «posting» su Twitter per avere ancora maggiore «boost» in prossimità delle messe in onda.

OBO Digital ha supportato anche il team di Level33 producendo grafiche e cartelli «ad hoc» per valorizzare le iniziative social e «second screen», posizionando hashtag e URL on screen durante la messa in onda di RDS Academy.

Abbiamo preso in gestione l’account ufficiale twitter @level33tv per offrire alla società di produzione una visibilità social all’interno delle conversazioni.

L’iniziativa «second screen» che consentiva, accedendo su una landing-page da dispositivi desktop e mobile, di votare concorrenti e coach grazie ad un clic, ha ottenuto un ottimo riscontro di partecipazione.

Il totale dei contributi che includevano l’hashtag #RDSAcademy è stato di 3.251 Tweet.

CFT5UCvWYAAvtNp 768x1024 Second Screen e Social per arricchire lesperienza TV (il caso RDS Academy)

Lo streaming dati monitorabile, grazie ai sistemi di acquisizione dati offerti da Twitter, era del 70% circa per cui presumibilmente il volume delle conversazioni reale sarà stato: 4.000-4.500 tweet.

Per la finale del 1° giugno, inoltre, abbiamo creato un formato «ad hoc» in tempo reale: un podio virtuale finalizzato al lancio una «battle» fra i 3 concorrenti rimasti in gara. L’iniziativa «second screen» correva in parallelo rispetto alla programmazione tv.

Nella serata del 4 maggio, l’hashtag #RDSAcademy ha raggiunto i top trend di Twitter in Italia durante l’on air della puntata.

 Second Screen e Social per arricchire lesperienza TV (il caso RDS Academy)

Le esperienze interattive legate al media TV e le sperimentazioni second screen viaggiano più velocemente grazie alla quotidianità sempre più integrata con il mondo social. I consumatori oramai si aspettano maggiori livelli di coinvolgimento e parte della sfida verrà vinta da chi avrà la capacità di accontentarli.