Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Ideacreativa.it | October 17, 2017

Scroll to top

Top

Non tutti i dispositivi sono uguali per connettersi: scopri le differenze!

Non tutti i dispositivi sono uguali per connettersi: scopri le differenze!
linomarra
  • On 8 aprile 2015
  • http://www.ideacreativa.it

E’ cambiato profondamente il modo di porsi davanti ai contenuti, la cosiddetta User Experience (UX), e non tutti i dispositivi sono uguali in relazione a questi ultimi: scopriamone insieme le differenze.

La maggior parte delle aziende se ne sono già accorte: l’esplosione del mobile per l’accesso ad Internet ha portato un cambiamento di provenienza o origine del traffico verso i loro siti.

Nel 2014 infatti è stato registrato il sorpasso epocale del mobile ai danni del vecchio desktop, una volta il potenziale consumatore si trovava davanti allo schermo del proprio PC ben piantato sul tavolo, oggi è in giro o sul divano, l’80% del tempo di navigazione è su mobile e di questo l’80% è sulle app. Ma come giustamente ha fatto notare un recente webinar di Monetate-Forrester condotto da Thomas Husson, VP Principal Analyst, Forrester Research (dati Forrester e Shop.org, clicca qui), gli smartphone non sono tablet e viceversa.

In primis, perché hanno tassi di conversione diversi, questo già potrebbe bastare come argomentazione. “La stragrande maggioranza degli store monitorati registrano un conversion rate su smartphone di circa l’1%, mentre i tassi di conversione per i tablet sono il 2,4%”, ha affermato Husson. Quindi attualmente gli smartphone hanno conversion rate molto più bassi rispetto ai tablet, la sfida a questo punto sarà puntare ad ottimizzare la user experience di entrambi, sia del mobile che del tablet.

“Monetate” ha riscontrato dati di conversione mobile e tablet interessanti nel suo report trimestrale sull’Ecommerce, arrivando a concludere che probabilmente è più facile utilizzare i tablet durante il processo di checkout dell’acquisto, in quanto si ottiene un picco di conversioni su tale dispositivo rispetto allo smartphone.

Inoltre, la tipologia di contenuti e servizi a cui si accede da smartphone e tablet è molto diversa.

Mentre i visitatori utilizzano i tablet principalmente per quello che viene definito “lazy internet”, ovvero navigazione e consumo/visualizzazione di siti e contenuti, le persone tendono a preferire gli smartphone principalmente per la comunicazione, lettura di news o contenuti snack, utilizzo di applicazioni mobili.

Il webinar ha evidenziato un’altra importante distinzione tra i dispositivi: il quando e il dove i consumatori usano i loro smartphone e tablet.

I tablet sono portatili, mentre gli smartphone sono tascabili.

I tablet sono per lo più utilizzati nel soggiorno di casa, mentre gli smartphone negli altri spazi interni della casa ma anche in viaggio. I telefoni cellulari sono anche dei dispositivi più personali, mentre i tablet sono spesso condivisi con familiari, partner o bambini.

E’ vero che ci sono anche delle sovrapposizioni in termini di uso per smartphone e tablet, in quanto entrambi sono utilizzati in casa, ed entrambi per consumare un certo tipo di contenuti, ma a causa del fatto che gli smartphone vengono usati più spesso all’aperto o in movimento, c’è una differenza enorme nel tipo di esperienza la gente si aspetta dal dispositivo.

“La maggior parte dei marketer considerano smartphone e tablet appartenenti alla stessa famiglia, ovvero del mobile“, afferma Husson. “Crediamo che questo sia l’approccio sbagliato.”

Per concludere, le aziende di sviluppo devono lavorare per offrire sempre più esperienze specifiche per il singolo dispositivo al fine di massimizzare la probabilità di acquisto. Questo potrà avvenire solo integrando i siti web con piattaforme responsive, lavorare maggiormente al modello delle app, prestando attenzione al mercato pubblicitario del perfomance marketing basato sul CPI (Cost Per Install), ad esempio adottando dei modelli basati su app gratuite e con all’interno meccanismi di “in app purchase” (si veda anche articolo IAB).

 BlogPost Chart 01 01 Non tutti i dispositivi sono uguali per connettersi: scopri le differenze!