Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Ideacreativa.it | September 22, 2018

Scroll to top

Top

Twitter Profile SEO (top-10 TIPS)

Twitter Profile SEO (top-10 TIPS)
linomarra
  • On 26 giugno 2014
  • http://www.ideacreativa.it

C’è chi ritiene che Twitter sia la piattaforma social ideale per comunicare la propria attività, presentare i prodotti e i servizi a milioni di persone in tutto il mondo.

Per questo vi spieghiamo come trasformare il vostro profilo Twitter in un capolavoro del SEO. 

Si sa che ormai SEO e Social Media vanno a braccetto, massimizzare l’esposizione del proprio profilo Twitter diventa oggi fondamentale per dare sempre maggiore visibilità ai contenuti proposti e generare ancora più traffico/visite. Va fatto in modo che il profilo sia ben indicizzato/elencato o classificato su Twitter e Google. Proprio come per gli altri motori di ricerca, infatti, i risultati di ricerca Twitter consentono di generare un grande flusso di traffico particolarmente in target.

Al fine di aumentare l’indicizzazione Google (e di altri motori di ricerca) del proprio profilo Twitter, è necessario per prima cosa ottimizzare il proprio profilo Twitter (c.d. SEO on-page).

Sostanzialmente, la pagina di Twitter va ottimizzata e promossa come se fosse un sito web. Ecco cosa va fatto:

1) Scegliere un nome utente “SEO-oriented” (la url):

Il tuo Twitter nome utente dovrebbe includere la parola chiave che si desidera indicizzare in alto tra i risultati. Per esempio, se si desidera far trovare il profilo Twitter quando cercano i “cannoli” siciliani, assicurarsi che “Cannoli” sia il nome. @AZYcannoli potrebbe essere un esempio appropriato. Di solito è una buona idea non usare trattini o underscore, scegliere qualcosa di sensato ai fini del SEO, breve e facile da ricordare (si hanno solo 15 caratteri a disposizione).

2) Impostare il nome reale (il titolo della pagina):

è fortemente consigliato utilizzare il nome reale (es. scriverò Gian Mattia Rossi e non GM Rossi o GM_Rossi), oppure in alternativa si potrebbe osare qualcosa in più includendo nuovamente la parola chiave principale (ma fatelo solo se è opportuno altrimenti passa per spam!). Se hai già un account, basta cliccare su “Impostazioni” e cambiare il ‘Nome’ senza modificare il ‘nome utente’. Nell’esempio riportato in figura ho inserito – trattandosi di un’azienda – la ragione sociale reale dell’agenzia.

CatturaA Twitter Profile SEO (top 10 TIPS)

3) Inserire la URL del sito web:

assicurarsi di non usare un link che è stato abbreviato utilizzando uno Shortner come bit.ly. Non sbarazzarsi del “www”, perché Twitter mostrerà solo il dominio (fino ad un max di 20 caratteri).

4) Impostare la bio (la meta description):

consideratela la vostra “meta description” del vecchio sito web, qui andrebbero incluse nuovamente le parole chiave perché è un contenuto altamente indicizzabile. Assicurati che emerga la propria personalità, parlate in 1^ persona, il testo deve essere breve e (in soli 160 caratteri) andare dritto al punto. Non inserire parole che non hanno alcun valore ai fini della ricerca. Considerate questo campo un’istantanea, uno spot di ciò che siete e di come desiderate essere percepiti (dato che un sacco di gente lo usa per decidere se seguirti o meno). Tieni presente che Google talvolta inserisce la tua posizione/localizzazione in questa sezione, verificare che vi dà la giusta location.

CatturaB Twitter Profile SEO (top 10 TIPS)

5) Picture profile SEO (il Twitter avatar):

è possibile ottimizzare con il SEO anche l’immagine del profilo! Non è possibile aggiungere tag ma è possibile rinominare la foto prima di caricarla, in questo modo quando si presenta nella URL avrà le parole chiave con cui l’hai nominata. Fare attenzione a non aggiungere spazi.

6) Twittare in modo costruttivo:

sebbene cazzeggiare ogni tanto con il profilo Twitter sia permesso, assicuratevi di pubblicare regolarmente contenuti sugli argomenti che vi interessano (consente di ottenere più retweet e nuovi follower) e che i vostri tweet contengano le parole chiave e le frasi con cui si desidera essere rintracciati nei motori di ricerca e assicurarsi di utilizzare occasionalmente # hashtags. I motori di ricerca indicizzano le hashtag e questo serve anche a rintracciarvi nel motore di ricerca di Twitter. Anche se la URL in realtà non porta nulla ai fini del SEO a causa dell’uso di Twitter del tag “nofollow”, il link è ancora uno strumento importante per dirigere il traffico dal tuo profilo Twitter verso il tuo sito.

7) I Preferiti (Favourites) e i Retweet (RTs):

assicuratevi che alcuni dei vostri tweet “preferiti” o “retweet” contengano le parole chiave, frasi chiave e link pertinenti, il risultato potrebbe sorprendervi… come nel mio caso, per aver twittato un mio articolo sulle GIF animate e aver retwittato un tweet sempre sulle GIF animate di Twitter Support (profilo con molti follower e tweet con molti feedback), sono finito al primo posto della SERP di Google con parole chiave twitter lino marra o twitter linomarra o linomarra o lino marra.

CatturaC Twitter Profile SEO (top 10 TIPS)

8) Tiny: 

utilizzando uno shortener come Tinyurl.com per i link nei tweet, i motori di ricerca riconosceranno il link e gli assegneranno rank.

9) Costruire forti relazioni e connessioni (following other and having others follow you):

seguendo attivamente gli altri e facendosi seguire dagli altri fa aumentare il rank dei motori di ricerca e consente di competere internamente su altri profili Twitter focalizzati su tematiche simili alle tue. Esistono dei tool per misurare gli “Inbound link” verso il tuo profilo Twitter.

inboundlinks Twitter Profile SEO (top 10 TIPS)

10) Last but not least (links, links, links to your Twitter profile from where ever you can):

questa è probabilmente la parte più importante del vostro Twitter SEO. Assicurarsi di linkare sempre il profilo Twitter ovunque possibile, e farlo con forti parole chiave nel testo di ancoraggio. Inoltre, assicurarsi di aggiungere il vostro nome utente Twitter (es. come firma dell’autore) nei blog e forum. Anche fare il submit del profilo Twitter nelle directory può servire. Tutto questo vi permetterà di farvi notare da più persone e più frequentemente, e vi dà la possibilità di essere ricompresi in più pagine di risultati (c.d. SERP).

10-bis) Attiva il Feed Burner del tuo Twitter (RSS):

ci sarebbe un ultimissimo consiglio che vorrei darvi, lasciato appositamente alla fine perché Twitter ufficialmente ha cassato il servizio, eliminando il tasto RSS e la possibilità di convertire la propria “status timeline” in RSS. A questo punto, non so dirvi quanto il feed attualmente incide sul rank di Google, ma fino a qualche tempo fa incideva e come per cui ve lo dico lo stesso.

Come forse sapete già, utilizzando i feed RSS le persone possono iscriversi ai tuoi post (e in questo caso tweet) e ricevere i feed istantanei ogniqualvolta viene pubblicato un nuovo tweet. Proprio come fanno i blogger per aumentare la loro popolarità con i motori di ricerca e attirare traffico sul proprio blog, anche con Twitter è possibile utilizzare i feed RSS per far sottoscrivere il vostro account Twitter.

Come si fa? Per prima cosa, non esistendo più il tasto RSS sulla pagina Twitter, si deve andare su un sito come www.rssitfor.me ed inserire la URL del proprio twitter (es. https://twitter.com/linomarra), ottenendo il feed RSS dei propri tweet in modo alternativo a Twitter (es. il mio è http://www.rssitfor.me/getrss?name=linomarra, questo già crea un contenuto nuovo sul web una pagina in XML come potete vedere visitando l’indirizzo).

a 1 Twitter Profile SEO (top 10 TIPS)

http://www.rssitfor.me/

a 2 Twitter Profile SEO (top 10 TIPS)

http://www.rssitfor.me/getrss?name=linomarra

Poi – dato che il nostro obiettivo è l’indicizzazione Google – va impostata questa funzione anche in Google FeedBurner: andate su FeedBurner (se avete un account gmail si fa prima, in caso contrario registrate un nuovo account), incollate l’indirizzo ottenuto con rssitfor.me in FeedBurner ed otterrete anche il feed Google (es. http://feeds.feedburner.com/LinomarraOnTwitter) con il quale lavorare per far sottoscrivere il vostro Twitter dal web.

In ogni caso avete aumentato la possibilità di rintracciare i vostri contenuti, creando due pagine xml in più …che si auto alimentano senza far nulla.

a 3 Twitter Profile SEO (top 10 TIPS)

http://feeds.feedburner.com/LinomarraOnTwitter

Comments